LIDO DI VENEZIA

percorso multidisciplinare (RARB)


Lascia un commento

Cinema e Fascismo

Come ogni regime totalitario che si rispetti, il Fascismo pose grande attenzione al controllo della cultura e in particolar modo del cinema, considerato un ottimo mezzo di propaganda e un efficace medium per il controllo delle masse. Il motto “il cinema è l’arte più forte”. Con le istituzioni cinematografiche il regime tese a gestire politicamente e culturalmente il cinema nostrano, premurandosi da una parte della formazione delle nuove leve, attraverso il Centro Sperimentale, e dall’altra di pubblicizzare i propri prodotti, quindi le proprie idee.

Nel 1932 Mussolini inaugura la prima Mostra del Cinema di Venezia, il festival che avrebbe contribuito molto al prestigio della cultura italiana nel mondo. Lo Stato continua la sua opera di sostegno istituendo una Direzione Generale per la Cinematografia guidata da Luigi Freddi. Pur provenendo dalle fila del partito, Freddi sostiene idee liberali. Egli è infatti convinto che lo Stato debba sostenere il cinema senza costringerlo entro i ristretti argini dell’ideologia fascista. Critico del metodo coercitivo applicato alla decima musa dal nazismo, Freddi incoraggia un cinema che non entri in conflitto con le tematiche di partito, ma che si rivolga invece a temi d’evasione, a imitazione del cinema americano. E’ il momento dei film coi telefoni bianchi, delle storie sentimentali a lieto fine, degli attori che riscuotono grande successo di pubblico. La Mostra mantiene una relativa autonomia dal fascismo fino al 1939 quando a inaugurare il festival, al posto di Volpi, è Joseph Goebbels. Le edizioni del 1940, 1941 e 1942 si tengono lontane dal Lido e vedono partecipare quasi esclusivamente i paesi dell’Asse (in seguito saranno considerate non svolte).

Il Lido, luogo borghese della villeggiatura, conobbe così nei primi decenni del Novecento una stagione di rapida crescita che portò nel 1936 all’edificazione del Palazzo del Cinema e del vicino Casinò Municipale nel 1938. Entrambi i palazzi sorsero sull’area occupata dal precedente Forte austriaco delle Quattro Fontane, che era posto in posizione intermedia tra le fortificazioni costruite alle due estremità del litorale, quelle di San Nicolò e di Malamocco. Il progetto globale di riassetto dell’area era, in realtà, molto più articolato e ambizioso. Consisteva nella creazione simmetrica di tre grandi palazzi moderni in stile razionalista: quello del Cinema a sinistra, il Casinò al centro e un terzo a destra equidistante che doveva ospitare una piscina coperta da utilizzarsi d’inverno, grazie a un modernissimo sistema di refrigerazione, come campo di pattinaggio su ghiaccio. Il grande complesso architettonico, così articolato, si affacciava su un ampio piazzale ornato di scenografiche fontane e importanti arredi. Il primitivo Palazzo del Cinema appariva molto diverso dall’attuale sul fronte mare perché venne successivamente alterato. L’operazione dell’immediato dopoguerra snaturò il disegno della primitiva facciata che in precedenza armonizzava perfettamente con il vicino Casinò e anche con quella dell’eventuale terzo palazzo restato solo in fase di progetto.

522-PalazzoCinemaLido

 

Annunci


Lascia un commento

Dr. Jekyll and Mr. Hyde

Dr. Jekyll and Mr. Hyde is a 1931 film based in a Victorian novel entitled “The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde” written by a Scottish author Robert Louis Stevenson and published for the first time in 1886.

The film won two unofficial recognitions in the1932  Venice film Festival : Most Original Fantasy Story and Fredric March as Most Favourite Actor.

The main characters of the story are:

Dr. Henry Jekyll, a respected member of the Victorian society, a good doctor, scientist and academician;

Mr. Edward Hyde, the evil side of Dr. Jekyll;

Muriel Carew, fiancée of Dr. Jekyll;

General Sir Danvers Carew, Muriel’s father;

Dr. John Lanyon, Dr. Jekyll’s colleague;

Ivy Pearson, a bar singer that Dr. Jekyll saved from an abuser, future girlfriend of Mr. Hyde.

 

Dr. Jekyll was certain that within each man lurks impulses for both good and evil. One evening he attended a party in her fiancée’s house and after all the guests had left, he asked permission from General Carew to marry Muriel. Sir Danvers refused his request. While he was walking home with Dr. John Lanyon, he saw Ivy Pearson being abused by a man. Jekyll drove the man away and carried Ivy up to her room to attend to her. Ivy begins flirting with Jekyll but the doctor  fought temptation and left with Lanyon.

 

Muriel and Sir Danvers left London for a few months. In the meantime, Jekyll develops a drug to release the evil side in himself, thus becoming the violent Edward Hyde.  Hyde went to the bar and asked for Ivy’s company through guaranteeing her financial supports. He  terrorized Ivy, being both abusive and controlling. However, when Hyde found out that Muriel and her father are returning to London, he left her for a while. Ivy went to see Dr. Jekyll, hoping that he could free her of the abusive Hyde. When she arrived, Ivy sees that the celebrated Dr. Jekyll was the same man who saved her from abuse just months before.  Jekyll promised Ivy that she will never have to worry about Hyde again.

 

While he was going to the Carew’s party to celebrate their return, Jekyll suddenly changed into Hyde without the use of his drugs. Hyde went and confessed to Ivy that he and Jekyll were the same and murdered her right after.

Hyde went back home but he realised he didn’t have a key and his servant refused to let him enter. Jekyll failed to attend the party and Sir Danvers had officially forbidden her daughter to see Jekyll.  Meanwhile, Dr Lanyon reached home to find a note waiting for him, a note in Jekyll’s handwriting, begging him to collect certain items from Jekyll’s laboratory. Lanyon did so, but when Hyde called for them, he found Lanyon armed with a pistol and in a distinctly uncooperative mood. Hyde’s furious and threatening attempts to force Lanyon to let him go fail: Lanyon insisted upon knowing what has happened to Jekyll. Realizing there was not much time, Hyde drank the formula in front of Lanyon. Lanyon was shocked to witness the transformation and tells his friend that he had practically damned his soul for tampering with the laws of God.

 

Jekyll went to Muriel to perform his act of penance. Muriel admitted that she was also wrong because she didn’t fought for Jekyll but it was too late.  Jekyll tells Muriel that he must break up with her and begins to leave. Standing out on the terrace and tearfully watching Muriel cry, Jekyll begins to change into Hyde once again. He then re-entered  the Carew house through the terrace door and assaults Muriel.

 

Just like in other Victorian novels, there is retribution and punishment is found in the final chapter, Lanyon told the police his real identity. Outraged at Lanyon for betraying him, Hyde leaps from behind the table and attacks him. Hyde then tries to escape from the police but is fatally shot before he can again hurt Lanyon, and Hyde transforms one last time back into Henry Jekyll.

 

The double Nature of Victorian Society

The basic theme of the novella is the duality of good and evil. Stevenson creates Dr. Jekyll’s dual personality to reveal the manifest differences between an individual’s public and private personas, thereby revealing the sinister side of society. In the novel, Dr. Jekyll’s public self exhibits characteristics associated with morality and upper-class Victorian society; whereas Mr. Hyde, Dr. Jekyll’s private self, displays traits associated with immorality and the lower-class. Dr. Jekyll’s public self is drastically different from his private self.

 

In public, Dr. Jekyll is a gentleman, displaying characteristics associated with virtue. Dr. Jekyll is attractive, wealthy, respectable, educated, and charitable.

In his creation of Mr. Hyde, Dr. Jekyll attempts to separate the two sides of his nature in order to satisfy his darker side (Mr. Hyde) without affecting the respectability of his better half (Dr. Jekyll). However, Dr. Jekyll finds that the more he indulges Mr. Hyde the harder it becomes to resist the temptations of Hyde’s evil enterprises. Dr. Jekyll leads a double life, putting on a face of virtue in public and indulging a criminal monster in private. Nevertheless, he does attempt to make amends to society and rid himself of the infamous Mr. Hyde. However, he cannot return to his previous state of morality.   Essentially, Dr. Jekyll is corrupted by his primitive self.


Lascia un commento

Il culmine di questanuova strategia di rilancio turistico di Venezia su larga scala, e in particolare del Lido, fu la creazione ne 1932 dell’Esposizione Internazionale d’Arte Cinematografica tenutasi, prima della costruzione del palazzo, per la prima edizione nella terrazza del vicino Hotel Excelsior e nelle successive del

1934,1935 e 1936 nel giardino detto delle “fontane luminose”. Esercitò da subito un grande richiamo mondano e internazionale tanto da essere incentiva.

mostra del cinema Le massime autorità nazionali danno il loro beneplacito a quella che viene giustamente considerata la prima manifestazione internazionale di questo tipo. Il primo film proiettato nella storia della Mostra, che appare sullo schermo alle 21.15 del 6 agosto 1932, è Dr. Jekyll and Mr. Hyde di Rouben Mamoulian. Alla proiezione del film, come riferì ‘La Gazzetta di Venezia’, seguì un grande ballo nei saloni dell’Excelsior.ta con riduzioni aeree e ferroviarie del 50%come si legge nel manifesto della Mostra del 1932

.


Lascia un commento

Compagnia Italiana Grandi Alberghi

293-eli-1922.jpg

La Ciga, Compagnia italiana grandi alberghi è una società per azioni fondata dal Conte di Misurata il 27 marzo 1906. Con un capitale iniziale di quattro milioni e mezzo suddiviso in trentaseimila azioni da centoventicinque lire ciascuna, e un grosso impegno finanziario da parte del direttore della filiale di Venezia della Banca commerciale italiana, Giuseppe Toeplitz. La Ciga rilevò la “Venice Hotels Limited” in liquidazione, che era fra l’ altro proprietaria del “Danieli”, e la fuse con la “Compagnia alberghi lido” e con la “Società bagni lido” che disponevano del grande albergo Dei Bagni (il “Des Bains”) e del “Quattro fontane”, che poi diventerà Excelsior. Fu proprio l’ “Excelsior” del Lido di Venezia, il primo albergo della Ciga, a trasformare quella striscia di sabbia in una delle più eleganti e ricercate spiagge d’ Europa, amata da Byron e da Nietzche. Nei vecchi registri dell’ albergo si leggono ancora i nomi di Guglielmo Marconi, Cleo De Merode, del re d’ Egitto, della regina di Romania, del duca degli Abruzzi, della misteriosa Mata Hari, del duca di Windsor, di don Carlos de Bestegui, di Vittorio Emanuele III, Benito Mussolini, Winston Churchill e moltissimi altri. Ma la guerra del 15-18 assestò un duro colpo: tutti i bilanci chiusero in passivo. La ripresa, negli anni Venti, consentì l’ acquisto degli “Excelsior” di Roma e Napoli, del “Grand Hotel” di Roma e di quello di Stresa, perfezionato negli anni Trenta insieme all’ acquisizione anche del “Principe e Savoia” di Milano. Dal ‘ 39 al ‘ 45 venne un altro periodo nero: i bilanci di nuovo in passivo, molti alberghi danneggiati dalla guerra, altro infrastrutture completamente demolite. I primi anni Sessanta segnarono un nuovo periodo d’ oro per la Ciga, con il fatturato aumentato oltre ogni previsione e con un gran ritorno del bel mondo internazionale, dove re e regine, conti e contesse lasciarono però il posto ai nuovi sovrani, i divi dello schermo, le grandi star di Hollywood. Ma dietro l’ angolo c’ era la decadenza: prima l’ alluvione del 4 novembre 1966 danneggiò gravemente gli alberghi di Firenze e del lido di Venezia, poi la contestazione del ‘ 68 non risparmiò nemmeno quelli che erano rimasti in Italia gli ultimi baluardi del lusso e dell’ eleganza. Anche sul piano strettamente economico le cose andarono male.730-ELI-1924

 

 

Alla fine degli anni ’80 possedeva venti alberghi propri in Italia (sei a Venezia, tre a Milano, due a Roma, uno ciascuno ad Asolo, Cortina, Firenze, Genova, Napoli, Pisa, Siena, Stresa, Trieste) e sei alberghi associati, tre in Italia (Bolzano, Capri, Mestre) e tre all’ estero (Parigi, Tokio, Saint Francisco). Il 1995 ha segnato il passaggio degli alberghi CIGA alla Sheraton un gruppo alberghiero statunitense.

Il conte Volpi di Misurata aveva detto “Il lido è stanco, ha bisogno di un rilancio”.


Lascia un commento

Giuseppe Volpi

 

225px-Giuseppe_Volpi_1925Giuseppe Volpi nacque a Venezia il 19 novembre del 1877. Della sua infanzia e della sua adolescenza sappiamo pochissimo perché pur tenendo molto alla sua immagine egli dette di quegli anni notizie rare e poco importanti.

Studiò nell’Università di Padova ma dovette abbandonare presto gli studi per problemi economici; si trasferisce nell’allora Impero Ottomano per cercare fortuna esportando tabacco dal Montenegro. Da buon imprenditore investì i guadagni acquisiti nella nascente industria elettrica e costituisce in Italia nel 1905 la SADE (Società Adriatica di Elettricità) acquisendo in tal modo una posizione di rilievo nel settore della produzione e della fornitura di energia elettrica.

Nel 1917 fu tra gli ideatori della costruzione del Porto Marghera e dopo la Prima Guerra Mondiale fondò la CIGA (Compagnia Italiana Grandi Alberghi) acquistando prestigiose catene alberghiere.

Aderì al fascismo e dal 1922 al 1925 fu anche governatore della Tripolitania (Libia). Nel 1925, Vittorio Emanuele III gli dette il titolo di Conte di Misurata. Dal 1925 al 1928 fu ministro delle Finanze del governo Mussolini focalizzandosi all’avvicinamento dei capitalisti al fascismo.

Nel 1934 fu presidente della Confindustria, della Biennale di Venezia  e delle Assicurazioni Generali al posto del dimissionario Edgardo Mornigo che essendo ebreo dovette cedere alla guida dell’istituto assicurativo a causa delle leggi razziali.

Nei primi mesi del 1943 preoccupato agli andamenti della guerra, Mussolini procedette ad un vasto rimpasto del suo governo e rimosse Volpi dalla presidenza di Confindustria. Per questo motivo Volpi non poté prender parte alla seduta del Gran Consiglio del fascismo (nel quale sedeva di diritto il presidente di Confindustria) che, nella notte tra il 24 e il 25 luglio decretò la fine del regime. Dell’evento Volpi fu informato, solo la mattina successiva dal  Dino Grandi, al quale era legato da personale amicizia, e che fu tra i principali ispiratori della caduta del regime fascista. Tentò due volte di fuggire in Svizzera, (il 26 luglio ed il 16 ottobre), senza tuttavia riuscirci. Il giorno prima del suo secondo tentativo di fuga, delegò la cura delle sue aziende al conte Vittorio Cini. Fu quindi arrestato dalle truppe dell’appena nato Repubblica sociale italiana e trattenuto per qualche giorno nella prigione di via Tasso, ma visto il peggioramento delle sue condizioni di salute, fu liberato e riconsegnato alla famiglia. Nel Dopoguerra subì una serie di procedimenti per le sue responsabilità durante il regime fascista. Il suo stato gli impedì di presentarsi davanti ai giudici, ma grazie all’Amnistia Togliatti e alle testimonianze a suo favore di autorevoli personalità antifasciste, fu prosciolto da ogni accusa.

Giuseppe Volpi è senza dubbio il maggior contributore allo sviluppo turistico del Lido di Venezia. Dall’istituzione della prima Biennale d’Arte, inauguratasi il 22 aprile 1884 in occasione delle nozze d’argento di Umberto e Margherita di Savoia, e da una serie di iniziative artistiche e turistiche parallele, ebbe inizio quel grande progetto culturale per il rilancio della città di Venezia, che negli anni trenta subì un impulso decisivo grazie a  Volpi, nominato Presidente della Biennale nel 1930, proprio in occasione dell’Esposizione Internazionale d’Arte di quell’anno, diede inizio ,a Venezia, alla cosiddetta “era Volpi”. Il periodo coincise con l’epoca dell’industrializzazione della cultura in città e mise in moto, da subito, un intenso fenomeno turistico pilotato sapientemente a fini economico-culturali dalla Biennale stessa e dalla CIGA, la Compagnia Italiana Grandi Alberghi.


Lascia un commento

Notturno

A parte l’ opportunità, tutta personale, di vestire i panni del salvatore della patria, dopo la fuga per debiti e le troppe avventure amorose, è il trionfo, con le operazioni belliche, della meccanica e della tecnica a condurlo sulla linea del fronte: stratega e condottiero.. Lancia bombe e volantini finché ottiene il comando di una Squadriglia tutta sua.

  1. Periodo notturno D’Annunziano

Durante i voli, che gli costano per un incidente l’ occhio destro, d’ Annunzio continua ad avere quella figura di eroe cambiando il suo modo di scrivere, passando da un  d’Annunzio superomistico alla fase notturna.

DANNUNZIO GRANDE

Nel 1916, dopo un incidente durante un’opera bellica, D’Annunzio perse momentaneamente (circa tre mesi) la vista. Lui si ritira a Venezia nella “Casetta Rossa” assistito dalla figlia Renata, da lui chiamata Sirenetta. Fu un periodo particolare, con la provvisoria cecità si concentra sugli altri sensi ed ebbe maggiore attenzione alla propria interiorità. Impressioni, visioni, ricordi vengono annotati rapidamente su lunghe strisce di carta. Essendo bendato, poteva infatti scrivere solamente controllando con le dita i bordi dei “cartigli” preparati appositamente dalla figlia. Questa fase della sua vita da scrittore viene considerata l’ultima e viene definita comunemente “notturna” dal titolo dell’opera più significativa, Notturno. D’Annunzio abbandona le ampie architetture romanzesche e si avvicina alla prosa lirica, frammentaria, di argomento autobiografico e dal registro stilistico più misurato.  È un D’Annunzio tormentato dal dolore fisico e dall’insonnia, anche se rimane sempre in lui l’attitudine di proiettare se stesso in un’atmosfera di mito.


Lascia un commento

FIUME,, vittoria mutilata?

fiume

Dopo il patto di Londra l’Italia aveva iniziato ad avanzare richieste agli alleati, in caso di vittoria avrebbe annesso oltre che a Trieste, il Trentino e l’Istria anche la Dalmazia, esclusa Fiume, il governo della città fu appunto affidato alla Jugoslavia dopo la Prima Guerra Mondiale.  Il governo avanzò la richiesta su Fiume (situata nel golfo del Quarnero) che aveva una maggioranza di popolazione italiana e che doveva essere incorporata all’interno del neonato stato Jugoslavo. Per il momento l’idea delle Società delle Nazioni era quella di fare di Fiume un territorio libero. Scatenando così nel nostro paese la furibonda polemica nazionalista sulla “vittoria mutilata”. La città di Fiume fu occupata da Gabriele D’annunzio, alla guida di un contingente di reduci arditi il 12 settembre 1919.  Lo “stato” fiumano capitanato da D’Annunzio fu il primo a riconoscere l’Unione Sovietica e lo stesso Lenin vedeva di buon occhio l’impresa, la figura di D’Annunzio inoltre spingeva la gente ad unirsi a lui, varò anche una costituzione (che era un insieme di idee derivanti dalla Firenze rinascimentale, da Sparta e da Atene, praticamente inattuabili).  A fermare D’annunzio ci pensò la marina italiana cannoneggiando la città nel 1920 durante il cosiddetto “Natale di Sangue” dove per cinque giorni gli Arditi si scontrarono con le truppe del generale Caviglia. L’impresa di D’annunzio era comunque destinata a fallire in sé la città era già in crisi. La città fu occupata dall’esercito regolare, si convocò un’assemblea per la costituzione del territorio indipendente- ma il 27 gennaio 1924 assieme ad un’insurrezione di nazionalisti italiani (Mussolini era a capo del governo) divenne parte del Regno di’Italia con il Trattato di Roma. La città comunque era divisa, tagliata in due dal confine e la parte affidata alla Jugoslavia secondo il trattato sarebbe andata all’Italia dopo un certo tempo.